10 febbraio 2021

Fotoprotezione: perchè usare la protezione solare tutto l’anno

Per quanto adoriamo il sole non possiamo negare che sia il peggiore agente di invecchiamento della pelle. E l’inverno non è una buona scusa per dimenticare di proteggersi, tutti i giorni. La protezione solare è davvero un must have di ogni skincare routine, un prodotto da usare tutto l'anno perché previene l’iper-pigmentazione, il tono della pelle irregolare, le rughe e ovviamente il cancro alla pelle. E’ importante conoscere la differenza tra raggi UVB e raggi UVA per ottenere dei benefici, senza rischiare di creare danni alla pelle.

Qual è la differenza tra raggi UVB e UVA?

I raggi UVB costituiscono il 5% dei raggi UV e sono presenti maggiormente nel periodo tra aprile ed ottobre. La loro intensità è influenzata anche da altri fattori come altitudine, stagione, orario della giornata, presenza di nuvole ed inquinamento. I raggi UVB non superano il nostro strato di derma, fermandosi all’epidermide e, data la loro aggressività, sono i responsabili dell’attivazione dell’abbronzatura.

I raggi UVA, invece, rappresentano circa il 95% dei raggi UV e la loro irradiazione è costante non solo durante tutto l’anno ma anche in tutti i momenti della giornata, sia d’estate che d’inverno. I raggi UVA, con potere di penetrazione maggiore, superano l’epidermide arrivando al derma; questa loro particolare forza di penetrazione è la causa dell’invecchiamento cutaneo precoce e un fattore di incidenza dei tumori della pelle.

Che cos’è l’SPF?

SPF sta per Fattore di Protezione Solare e sta ad indicare il grado di protezione che una protezione solare fornisce, soprattutto contro i raggi ultravioletti. Il valore numerico dell’SPF esprime il rapporto tra la MED, ovvero la quantità di radiazioni necessaria a provocare un eritema, su cute protetta dal filtro solare e la MED su cute non protetta. Per esempio, se ci vogliono 20 minuti per sviluppare arrossamento senza protezione solare, una crema solare con un SPF di 15 potrebbe impedire l’arrossamento per un tempo 15 volte più lungo. Non scendere mai sotto la protezione 30 SPF per evitare rossori, irritazione ed eritemi.

Perché protezione uguale giovinezza

La radiazione solare è il più potente fattore di foto-invecchiamento precoce, con effetti su colorito, discromie e, alla lunga, accumulo di radicali liberi che causano perdita di tono, compattezza, impoverimento del collagene e della luminosità. Per una pelle che appare e “si sente” giovane, tra le buone abitudini da mettere in atto tutti i giorni c’è quindi quella di applicare una fotoprotezione. Niente a che vedere con il vecchio concetto di solare: sono state sviluppate soluzioni contemporanee e routine specifiche, capaci non solo di schermare dalle radiazioni solari, ma anche dagli effetti della vita in città e dall’inquinamento riparando e correggendo i danni ossidativi.

I NOSTRI CONSIGLI:

  • ISDIN FOTOULTRA AGE REPAIR FUSION WATER SPF50: Fotoprotettore quotidiano viso formulato in fase acquosa che apporta idratazione intensa e assorbimento immediato. Offre una triplice azione antiphotoaging: protegge, ripara, rigenera. Alta protezione UV che aiuta a prevenire il danno solare. La sua formula innovativa protegge la pelle dall'inquinamento urbano. Contribuisce a riparare il danno solare accumulato a livello cellulare. Riduce le rughe e migliora la luminosità, idratazione e elasticità cutanea.
  • LA ROCHE-POSAY ANTHELIOS AGE CORRECT SPF50: trattamento quotidiano foto correttivo che aiuta a proteggere e correggere i segni dell'età indotti dall'esposizione quotidiana ai raggi UV. La tecnologia CELLOX-B3 dona protezione quotidiana grazie ai suoi componenti Mexoryl XL, Vitamina B3 e l'acqua termale di La Roche Posay. EFFICACIA ANTI-ETA' con attivi correttivi (Acido Ialuronico frammentato, Phe-Resorcinolo e Niacinamide). 24 ore di idratazione: texture vellutata non grassa.

Ultimi articoli

15 giugno 2021

Gambe pesanti d'estate: cause e rimedi

Con l’arrivo del caldo è facile accusare disturbi alle gambe: senso di pesantezza, tendenza al gonfiore delle caviglie, indolenzimento, formicolio. Una situazione piuttosto comune, specie per chi...

13 maggio 2021

Fermenti lattici-probiotici: sono la stessa cosa?

Dei fermenti lattici se ne sente spesso parlare, talvolta vengono consigliati se abbiamo disturbi gastrointestinali, come diarrea, gonfiore, colite, dispepsia, ecc., oppure dopo aver seguito...

12 aprile 2021

Allergia ai pollini primaverili: sintomi e rimedi

Il significato della parola allergia è "reazione alterata”: una risposta inappropriata dei meccanismi di difesa dell'organismo a sostanze solitamente inoffensive, normalmente presenti nell'ambiente, gli...